main

Il colore mi possiede. Non ho bisogno di tentare di afferrarlo.
 Mi possiede per sempre, lo sento.
 Questo è il senso dell'ora felice: io e il colore siamo tutt'uno. Sono pittore.

Paul Klee

intro6

L’Arte è figlia del Tempo, è la struggente necessità dell’essere umano di sopravvivere a questo passaggio terreno. Quello che ne scaturisce è l’Opera, un piccolo vascello a cui l’Anima si affida affrancandosi dal momento, per divenire “creatrice” del Tempo stesso. Dipingere è un modo per andare oltre il tempo.
Le "attese", gli "abiti sospesi", le "tavole imbandite", i "tessuti e panneggi", sono la cifra della mia ricerca pittorica, che vorrebbe vincere la vanitas, il memento mori del corpo. C'è un velo di tristezza e attesa per il Tempo che passa e che reca con sé ferite e dolori che faticano a dimenticarsi di noi, anime perse nei corpi. Ma è il Tempo lo stesso che lenisce e riscatta. La sua presenza operosa si evidenzia nella cura di pieghe, di indumenti e tele, negli addobbi e negli accessori, nel colore che scalda, dando un senso di contatto morbido e leggero. È questa la traccia, il segno del passaggio continuo e del ritorno, dell'incontro che va oltre e coinvolge.

- E Noi, vestiti di Tempo e spogliati dal Tempo. Saremo anche quando non saremo più? -

Emanuela Silvestri
Novembre 2014

L'artista

  • images/artista/slide_artista_00.jpg
  • images/artista/slide_artista_01.jpg
  • images/artista/slide_artista_02.jpg
  • images/artista/slide_artista_03.jpg
  • images/artista/slide_artista_04.jpg
  • images/artista/slide_artista_07.jpg
  • images/artista/slide_artista_09.jpg
  • images/artista/slide_artista_10.jpg
  • images/artista/slide_artista_11.jpg
  • images/artista/slide_artista_12.jpg
  • images/artista/slide_artista_13.jpg
  • images/artista/slide_artista_19.jpg
  • images/artista/slide_artista_20.jpg

Compie gli studi artistici alla fine degli anni ‘70 a Varese. Nel 1986 si laurea in Filosofia alla Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. Si dedica all’insegnamento per quindici anni.

Illustra manuali scolastici e saggi per varie case editrici. Per Splerling e Kupfer realizza disegni di anatomia umana e sequenze di animazioni.

Le sue opere pittoriche, per lo più ad olio, sono state esposte in mostre personali e collettive.

Nel 2012 e nel 2013 ha ricevuto il premio della Critica al Premio Nazionale di Arte Città di Novara.

Negli ultimi anni ha indagato il tema dell’Attesa, con un surreale ed onirico lirismo che suscita domande senza risposta. Il senso dell’Attesa è suggerito con la collocazione metafisica degli oggetti in uno spazio intemporale.

Attualmente sta realizzando una serie di opere incentrate sulla figura femminile, dove l’Attesa viene traslata in momenti di effimera sospensione.